Convegno nazionale Amianto ad Aquileia: presentato il Testo Unico

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailby feather

Ho molto apprezzato l’importante convegno nazionale dell’associazione Ubaldo Spanghero sul tragico Caso Amianto, la fibra killer, lascito dei Cantieri navali di Monfalcone.L’associazione, nata nel 2014 in memoria del sindacalista Cgil, padre dell’attuale Sindaco di Aquileia, promuove la tutela dei lavoratori vittime dell’amianto e dei loro familiari sul piano della prevenzione, della ricerca, legislativo e previdenziale,

Al Seminario si sono confrontati magistrati, legali, giuslavoristi, sindacalisti, imprenditori, docenti universitari, esperti sul tema amianto a livello dei rappresentanti del sindacato e dell’impresa.

Sono intervenuta brevemente al convegno, che ha impegnato due giorni pieni, portando il saluto ed insieme una breve sintesi dei lavori della Commissione Parlamentare di Inchiesta a cui partecipo. Del tema amianto nei due giorni di intenso lavoro si è parlato in un’ottica multidisciplinare,  sviscerandolo nelle più diverse angolazioni. In primo piano il Testo Unico, con attenzione particolare alla tutela legale. Tra i relatori di prestigio, il Magistrato Bruno Giordano, membro della Corte di Cassazione, tra i promotori del Testo Unico Amianto, un DDL che la Commissione di Inchiesta del Senato Infortuni sul Lavoro e Malattie Professionali ha elaborato, riordinando e sistematizzando una normativa molto complessa e contraddittoria,  testo che, ho evidenziato, si auspica di portare a termine entro questa legislatura.

Molto qualificato il livello del convegno, in cui ho espresso l’auspicio di portare a termine, oltre al Testo Unico, un DDL che si propone di sostenere la domanda di giustizia delle vittime d’amianto e dei loro famigliari, attraverso l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato.

La richiesta di giustizia e di risarcimento viene spesso abbandonata per l’onerosità di processi gravosi, che spesso inducono chi ha subito il lutto a desistere dal costituirsi parte civile. Non dovrà più accadere.

Lascia un commento