Ordine del Giorno sulla Piccola Pesca

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailby feather

La Commissione Agricoltura, nell’ambito dell’esame del DDL 2914 in materia di «Interventi per il settore ittico. Deleghe al Governo per il riordino e la semplificazione normativa nel medesimo settore e in materia di politiche sociali nel settore della pesca professionale», ha presentato l’ordine del giorno G/2914/8/9 (testo 2)  riguardante la cattura del tonno rosso.

I Senatori firmatari dell’ODG, tra i quali la goriziana Laura Fasiolo che nel corso del 2016 e del 2017 si è confrontata con gli rappresentanti del settore ittico a livello regionale e nazionale, per capire le problematiche degli operatori, impegnano il Governo ad “assegnare l’eventuale parte incrementale del contingente di cattura di tonno rosso assegnato all’Italia rispetto al livello fissato per il 2017 ripartendola fra i vari sistemi di pesca interessati, nell’intento di tutelare la sostenibilità economica delle imprese e le aspettative della piccola pesca, ivi compresi i pescatori professionisti titolari di licenza autorizzati che risiedono ed operano nelle aree marine protette, che utilizzano attrezzi compatibili con la regolamentazione europea, nel pieno rispetto degli indirizzi di gestione internazionali ed unionali” e “ in sede di ripartizione dell’incremento annuo del contingente di cattura di tonno rosso a destinare alla pesca accidentale o accessoria la quota massima prevista per legge e in ogni caso, in successivi atti, a rispettare il principio di una più equa distribuzione delle quote incrementali.

La Senatrice Fasiolo ha dichiarato in un Comunicato stampa di essere soddisfatta della presentazione dell’ordine del giorno in quanto ” persegue l’obiettivo di garantire la sostenibilità economica, le attività dei singoli pescatori e delle piccole imprese familiari, che da molti anni operano nel settore della pesca, nel rispetto di un’ equa distribuzione delle quote incrementali. “

Lascia un commento