Covid: prioritaria la sicurezza a scuola.

Facebooktwitterpinterestmailby feather

Gli studenti,i docenti e gli ATA devono poter fruire del servizio scolastico in presenza nella massima sicurezza oggi consentita. Bene perciò che l’Azienda Sanitaria ASUGI abbia deciso e già iniziato una sperimentazione con screening di massa rapidi in tutte le scuole del primo ciclo di TRIESTE, a partire da Muggia,  su tutta la popolazione scolastica in presenza. 

L’azienda avrà così la riprova sulle % di studenti asintomatici.

Stupefacente però  che la sperimentazione di massa  ASUGI venga annunciata su base triestina e muggesana, anche se che si espanderà  in seconda battuta sul resto dell’Azienda. Lo si faccia però anche su Gorizia e la provincia e si apra subito, visto che contestualmente non è stato dato di aprire la sperimentazione in TUTTE LE SCUOLE di ASUGI. Ciò consentirebbe agli operatori scolastici di  lavorare più serenamente E con uguali modalità a Trieste come a Muggia, a Monfalcone e a Gorizia e provincia. Spero vengano evitate soluzioni e ritmi differenziati  che potrebbero produrre difformità territoriali nel primo ciclo. Meglio sarebbe stato se tutte le operazioni fossero partite all’unisono dopo essere state concordate con il coinvolgimento di dirigenti scolastici e famiglie, in una visione di insieme che non risulta chiara e di cui nessuno sa se non attraverso la stampa e il TG. Sono momenti difficili, e appunto per questo è maggiormente necessario conoscere con trasparenza i criteri a monte che regolano le scelte messe in campo per la nostra scuola.

Lascia un commento